Il pianto del bambino

Oggi ho trovato su una bancarella un fumetto giapponese. Sfogliandolo con attenzione, ho notato che le nuvolette erano disegnate per contenere gli ideogrammi in verticale, dall’alto in basso. L’editore italiano aveva adattato le nuvolette mettendoci il testo italiano. Senza il testo il fumetto sarebbe stato in qualche modo mutilato. Eppure quando sento una canzoncina alla radio, in inglese o in portoghese-brasiliano (mi piace ogni tanto orecchiare un po’ di bossa nova), non mi soffermo sul testo. A dire il vero anche quella è parte integrante della canzone. Così mi viene in mente il pianto del neonato, che non usa le parole, ma che si fa sentire e capire benissimo.

Sono così importanti le parole? Mi vengono in mente, chissà poi perché, le preghiere dei buddisti: pochi, anche tra loro, ne conoscono il significato. La maggior parte si limita a ripeterle (nulla in contrario, sia chiaro). Anche il prestigiatore, quando esegue il suo numero, spesso pronuncia parole prive di significato, incomprensibili, solitamente di sua invenzione. Fa parte del trucco, fa parte del gioco. Come se il mistero della parola fosse inesplicabile a parole. L’ideogramma, che non ha nessun rapporto col suono, per me è un mistero nel mistero. Ma certamente non lo è per chi ne conosce il significato (semplicemente il passaggio al suono è successivo alla comprensione, mentre nel nostro alfabeto lo precede). Un modesto scriba come me può solo registrare ciò che vede intorno a sé, ma l’effetto della parola, a volte anche distruttivo, è sempre legato al suono della voce umana. Non c’è rivelazione o rivoluzione che non sia nata dalla voce di un uomo (magari moltiplicata e ampificata da radio, televisione, internet, ecc.) e, successivamente, trascritta. Evidentemente il pianto del bambino viene prima di tutto il resto.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized e contrassegnata con . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...